Ammortamenti 2020 e la possibilità di congelamento

money-2696238_1920.jpg

Ammortamenti 2020 e la possibilità di congelamento

Nell'ambito del  "Decreto Agosto" è stata prevista la possibilità di "sospendere", in tutto o in parte, l'imputazione contabile degli ammortamenti delle immobilizzazioni materiali e immateriali, con l’intento di non aggravare il bilancio d’esercizio 2020 già indebolito dal Covid 19.
 
Questo provvedimento, rivolto a favore dei soggetti che non adottano i Principi contabili internazionali, permette di non imputare a Conto economico del bilancio 2020 fino al 100% della quota annua di ammortamento delle immobilizzazioni materiali e immateriali mantenendo il relativo valore di iscrizione, così come risultante dall'ultimo bilancio annuale regolarmente approvato.
 
La quota di ammortamento non contabilizzata andrà quindi imputata al Conto Economico del bilancio 2021 e allo stesso modo saranno differite le quote successive prolungando di un’annualità il piano di ammortamento precedentemente stabilito.
 
A fronte del congelamento degli ammortamenti, i soggetti che intenderanno avvalersi della sospensione in esame dovranno:
  • destinare una riserva indisponibile di utili per un ammontare corrispondente alla quota di ammortamento non effettuata;
  • motivare in Nota integrativa:
    • le ragioni dell'applicazione della deroga;
    • le motivazioni dell'iscrizione;
    • l’importo della corrispondente riserva indisponibile, indicandone l'influenza sulla rappresentazione della situazione patrimoniale / finanziaria e del risultato d'esercizio.
 
La sospensione degli ammortamenti non si rifletterà sulla determinazione del reddito e del valore della produzione ai fini IRAP. Con l’applicazione della deroga, sarà ammessa la deduzione della quota ammortamento sospesa alle stesse condizioni e con gli stessi limiti precedentemente previsti. Il successivo anno dovrà altresì essere effettuata una variazione in diminuzione nel mod. REDDITI 2021 pari alla quota di ammortamento 2020 che sarebbe stata imputata a Conto Economico e quella effettivamente contabilizzata. Si genererà quindi un disallineamento tra valore civilistico e fiscale con conseguente stanziamento di imposte differite passive da utilizzare nell'ultimo periodo di ammortamento civilistico.
 
Il “congelamento” degli ammortamenti 2020 prevederà quindi:
  • la non imputazione a Conto Economico dell’intera quota di ammortamento;
  • l’imputazione di una quota di ammortamento inferiore a quella ordinaria;
  • la deducibilità nel mod. REDDITI 2021 della quota non contabilizzata e della differenza tra la quota ordinaria e quella contabilizzata.
 
 

Richiedi Informazioni

Accetto l'informativa sulla privacy